Torna a Riflessioni su ...

Come gli italiani curano ansia e depressione? Sorprendente la previsione di Milano Finanza per il 2019

Come gli italiani curano ansia e depressione? Sorprendente la previsione di Milano Finanza per il 2019

Recentemente è uscito su “Milano Finanza” un articolo dal titolo “Cosa ci sorprenderà”, in cui venivano dettagliate una serie di previsioni socio-economiche che potrebbero realizzarsi nel 2019. All’interno di questo elenco era presente una parte che curiosamente riguardava le malattie mentali e gli interventi a riguardo. L’articolo citava che sarebbero proliferati “prodotti a sostegno di un mercato multimiliardario” per il trattamento dei disturbi d’ansia e depressione.
Questo dato è stato collegato all’allarme lanciato dall’O.M.S., secondo cui queste due patologie sarebbero drasticamente aumentate nell’ultimo decennio.
Tra i “prodotti” elencati nell’articolo erano presenti: farmaci, libri da colorare per adulti, oli essenziali, app per la meditazione, ecc. La lista era molto breve e non permetteva altre digressioni, ma è interessante notare che l’elenco era composto da interventi alcuni necessari, come i farmaci, altri molto poco risolutivi.
La mancanza nell’elenco della psicoterapia, assenza forse dovuta alla necessità di trattare velocemente il tema, è forse anche causata da una mancanza di informazione a riguardo.
ll trattamento farmacologico riveste sicuramente un ruolo importante nelle fasi preliminari della cura di queste problematiche, perché permette al soggetto di inibire la sintomatologia inizialmente invalidante e che spesso gli impedisce di vedere una via di uscita dalle proprie difficoltà. Tuttavia, se è vero che una volta conclamate ansia e depressione, i sintomi sono uguali per tutti, tali sintomi si generano e si stabilizzano in ogni individuo per una ragione unica e individuale.
La psicoterapia individua l’origine del malessere soggettivo, valorizzando le personali esperienze vissute dalla persona, perché a parità di esperienza, non è detto che tutti sviluppino determinate reazioni e determinati sintomi. Dopo aver individuato le peculiarità che hanno causato il malessere, un attento psicologo psicoterapeuta sarà in grado di riconoscere inoltre, le personali risorse del soggetto affinché possa stabilizzarsi nuovamente. La psicoterapia è l’unico metodo di cura che può tenere conto dell’unicità dell’individuo. Permette di accedere a orizzonti prima inesplorati, affinché la persona possa pian piano superare il momento di difficoltà.
Questo percorso non è certo immediato, ma bisogna considerare che i processi di cambiamento in psicoterapia implicano la possibilità di esprimere le proprie emozioni, di acquisire e praticare nuovi comportamenti, attribuire nuovi significati alle proprie esperienze. Per lo psicologo psicoterapeuta implica fornire ai pazienti una logica terapeutica che abbia un senso per loro, favorire una presa di coscienza e promuovere l’apprendimento emozionale interpersonale. Tutto ciò prevede una maturità emotiva che va coltivata, sostenuta e riconosciuta e questo necessita di un tempo personale e individuale che varia da persona a persona.
Ciò che sorprenderà, a nostro avviso, sarà non solo comprendere le vere motivazioni sottese alla sintomatologia, ma soprattutto avere l’opportunità di rompere un meccanismo ripetitivo e dannoso per la persona per lasciare spazio a una ristrutturazione creativa del proprio mondo.

 

Dott.ssa Raffaella Baino, Psicologa Psicoterapeuta
Dott.ssa Giulia Guasco, Psicologa Psicoterapeuta

Ricevono presso Studio Ventuno – Centro di psicoterapia e psicologia clinica
V. Natta 21 – Asti
www.studio-ventuno.com
info@studio-ventuno.com